attività

9 MAGGIO 1978 – 9 MAGGIO 2010, CONTRO MAFIA E FASCISMO, LA RESISTENZA CONTINUA! 

 

Giovedi’ 6 maggio : ore 17,00 Forum SPAZI SOCIALI

 

 

Da Genova ad oggi , quali sono i rapporti tra spazi sociali e il territorio, quali dinamiche e quali prospettive.
Moderatore: Nino Termotto Laboratorio Zeta Palermo

Interventi:

Alfonso De Vito – InsuTV

CP Experia Catania

Cloro Rosso Taranto

Figlie femmine Bologna

Venerdi’ 7 maggio : ore 9,00 Forum AMBIENTE

Ore 9,00 Proiezione Video “emergenza rifiuti in Campania”

Ore 10,00 Interventi di: Doriana Sarli : La situazione attuale in Campania

Paola Nugnes e Giuseppe Cristofori – I risvolti economici delle scelte fatte e le alternative possibili

Santina Mondello- Ass. Rita Atria La responsabilità del sistema rifiuti

Gabriele Dulcetta, Cenciaiolo Coop APAS Pa

Ore 13,00 Presentazione del dossier Munnizzopoli a Catania e provincia. A cura dell’ass lavori in corso
Ore 16,00 Presentazione del nuovo libro di Antonio Mazzeo, “I padrini del ponte”,per coniugare il problema ambientale con gli interessi affaristico-mafiosi che stanno dietro la costruzione del ponte .
Ore 17,00 Forum Acqua Si scrive acqua si legge democrazia a seguire proiezione di video

Interventi di:

Vincenzo Miliucci (COBAS – Nazionale)

Lorella Lari (Attac – Forum dei movimenti per l’acqua Bergamo

Antonio Valassina – Associazione Lib-Lab Roma

Presentazione del dossier “Privati dell’acqua” dell’ass. Lavori in corso

Durante i lavori del forum verrà formulato un questionario sulla gestione dell’acqua che verrà fatto girare tra la popolazione di Cinisi , i cui risulati verrano letti in piazza e consegnati all’amministrazione comunale .

SPETTACOLI:

Spettacolo teatrale della compagnia Arte Vox :RADIO.
Malasuerte Firenze SUD

Concerto dei Talco gruppo ska-punk .

Moderatore: Fabrizio Fasulo
Si comincia con approfondimenti sul lavoro dei migranti in un quadro ampio che interconnette gli interessi mafiosi allo sfruttamento del lavoro nero .
Approfondimenti

Di Fulvio Vassallo – Sicilia da terra di sbarco a terra di detenzione

Marco Pirrone

Umberto Santino – Globalizzazione e mafie

Emilio Santoro- Carcere e migrazioni

Judith Gleitze – Nuovi scenari dell’immigrazione in Sicilia

Renato Franzitta – Il collegato lavoro. La distruzione dell’art. 18

Si passerà dunque da momenti di analisi alle testimonianze dirette dei soggetti che quotidianamente si oppongono alla crisi nei loro posti di lavoro .
Testimonianze di:

Barbara Evola e Luigi Del Prete – Precari scuola

FIOM Termini Imerese

Flai CGIL – Michele Scifo

Arancia Metalmeccanica – Francesco Piobbichi

Rdb-Napoli
Si proiettera’ un video fatto dallo zeta lab “terra estrema” in cui emerge un’analisi del lavoro bracciantile dei migranti , del loro sfruttamento e delle vessazioni del caporalato nonché dell’assenza del sindacato in campagna.

Conclusione del Prof. Alessandro Dallago


Sabato 8 maggio: ore 9,00 Forum Lavoro

Nella giornata di sabato mattina e nel primo pomeriggio si affronterà’ la tematica del lavoro . La giornata è divisa in tre Aree ;

MIGRANTI – LAVORO PRECARIO – RESISTENZA OPERAIA.

Ore 17,00 Forum la deriva della democrazia e il neo fascismo berlusconiano

Moderatore: Salvo Vitale

Intervengono:

Pino Maniaci – Tele Jato

Leo D’Asaro Storico

Giuseppe Ingroia – Magistrato

Testimonianze di: giornalisti, associazioni gruppi e movimenti che si occupano di Informazione e controinformazione
SPETTACOLI:

Presentazione del libro “I fiori di Faber ” con Claudio Porchia e Liberario Guglielmi

con l’esecuzione di alcuni brani di De andre’ da parte del collettivo musicale “Peppino Impastato”.

Concerto dei Radiodervish , Stasi e Carmina Solis
Peppino e la militanza politica – Introduce Paolo Arena

Peppino e il territorio – Introduce Carlo Bommarito

Peppino e l’esperienza radiofonica – Introduce Andrea Bartolotta

Modera il dibattito Umberto Santino

Le conclusioni sono affidate al Forum Sociale.

Interventi:, CAU NAPOLI, Comitato Resistenze Marzabotto, ANPI, Comitato 3e32 L’aquila, Associazione Walter Rossi ROMA, Centro di Documentazione Francesco Lorusso Bologna, Radio Cento Passi, Radio Resistor

 


Domenica 9 maggio : Forum Peppino Impastato, dagli 70 ai giorni nostri: la lotta continua!!!Peppino e l’antifascismo – Introduce Salvo Vitale

 

 

 

Ore 15,00 Elaborazione documento conclusivo a cura delle realtà del forum sociale, A seguire CORTEO NO- MAFIAConcentramento ore 17,00 Sede di Radio Aut, Partenza ore 18,00

SPETTACOLI :

Apertura di Tony Landolina trio; A seguire Pupi di Surfaro; Chiuderanno la serata Mannarino e Alfio Antico e (ma non si deve dire) Vinicio Capossela
IL PROGRAMMA E’ SOGGETTO AD ULTERIORI VARAZIONI …
Hasta siempre….

 

Durante i lavori del forum ci sarà un campeggio autogestito, organizzato al campo sportivo di Cinisi con cucina sociale e media center .

Per info :

3356339850

3336394387

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

Un corteo di circa 500 persone ha sfilato per le vie del centro di Catania ieri mattina per dare vita alla manifestazione regionale del 21 dicembre, indetta dal Movimento Scuola Sicilia, e da tutte le realtà di precari che vi aderiscono. Hanno preso parte alla manifestazione regionale precari provenienti da diverse province siciliane e da Reggio Calabria e dalle realtà antagoniste di Catania. I Cobas hanno partecipato con striscioni e bandiere ribadendo la loro internità al movimento e caratterizzando il corteo. A conclusione della manifestazione davanti la sede decentrata della Presidenza regionale del governatore Lombardo, si è tenuto un comizio-assemblea con tanti interventi di precari della scuola , dell’università , centri sociali, studenti. Da tutti gli interventi è emersa la volontà nel continuare la lotta e a resistere malgrado i continui provvedimenti disastrosi e a costruire un più ampio fronte contro al precarietà per i diritti.
Nel pomeriggio si è svolta l’assemblea regionale dei precari della scuola come precedentemente concordata, per confrontarsi e decidere sulle prossime mobilitazioni.
Tutti coloro che sono intervenuti hanno sottolineato al necessità di unificare le lotte dalla scuola all’università alla ricerca partendo da iniziative locali da sviluppare subito dopo le feste natalizie, per rilanciare la mobilitazione con lo sciopero durante il periodo degli scrutini del primo quadrimestre e facendo un appello ai Cobas, alle altre sigle del sindacalismo di base alla FLC-Cgil e a tutti i sindacati per uno sciopero a staffetta organizzato in modo da aggirare gli ostacoli della 146 con indizioni di scioperi a livello nazionale, regionale e provinciali. Come cobas scuola sicilia intervenendo all’assemblea abbiamo confermato la disponibilità ad indire lo sciopero nel periodo degli scrutini.

———————————————————————————————-

21 DICEMBRE ore 10 manifestazione regionale a Catania, P.Roma. Fermiamo la distruzione della scuola e dell’Università

Cobas Scuola

19/12/2009 22:53

FERMIAMO LA DISTRUZIONE DELLA SCUOLA E DELLE UNIVERSITA’ STATALI

MANIFESTAZIONE REGIONALE

LUNEDI’ 21 DICEMBRE 2009, ORE 10, CATANIA, PIAZZA ROMA

DOCENTI e ATA, PRECARI e di RUOLO, STUDENTI e GENITORI

URLIAMO NO:

· NO ai tagli dell’organico

· NO a classi sovraffollate

· NO alla riduzione delle ore di sostegno per gli alunni diversamente abili

· NO al taglio delle ore per disciplina

· NO ai tagli sulla scuola pubblica (8.000.000.000 euro)

· NO ai finanziamenti alle scuole private

· NO ai tagli nella ricerca e nella didattica nelle UNIVERSITA’(1.500.000.000 euro)

“La scuola è aperta a tutti. L’istruzione inferiore è obbligatoria e gratuita. I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi”.

(dall’ art. 34 della Costituzione italiana)

 

Partenza da Palermo ore 7:00 – viale delle scienze, metropolitana Orleans – costo biglietto pullman euro 10

Contattare: Andrea Ballarò 320 2477337 Giovanni Denaro 3333893305 Barbara Evola 3332628556  

Precari in Lotta

Palermo 2013

Movimento Scuola Sicilia

——————————————–

12 dicembre 1969

12 dicembre 2009

40 anni dopo piazza Fontana

“morte accidentale di un anarchico”

conversazione con Salvo Vaccaro introduce Edoardo Albeggiani

martedì 15 dicembre ore 16,00

L.A.S. E. Catalano via La Marmora a Palermo

Perché Il 25 Novembre È Il Giorno Contro La Violenza Verso La Donna

La scelta del 25 di novembre come data internazionale della lotta contro la violenza sulla donna fu un accordo preso dalle partecipanti all’Incontro Femminista Latinoamericano e dei Caraibi che si realizzò a Bogotà nel 1981, accettando il sollecito della delegazione della Repubblica Dominicana che proponeva che in questo modo si rendesse omaggio alle sorelle Mirabal: Minerva, Patria e María Teresa. Esse sono un esempio vivo del tipo di donna impegnata nelle lotte del suo paese.

Le tre sorelle caddero per la violenza dal regime di Trujillo che mantenne il paese dominicano nell’arretratezza per 30 anni, nell’ignoranza e nel caos. Nel 1960, il paese dominicano scontento e stanco di una dittatura tanto lunga, tutti i giorni portava a termine lotte nelle strade contro le forze militari repressive che sostenevano il dittatore.
Le sorelle Mirabal nacquero nella sezione Ojo de Agua, provincia di Salcedo, Repubblica Dominicana. Le condizioni di vita che si davano nel paese e la zona dove vissero, conseguenza del dominio statunitense ed il ritardo delle relazioni di produzione, determinarono la loro sensibilità di fronte agli acuti problemi sociali. La partecipazione attiva delle sorelle Mirabal nella lotta contro Trujillo guadagnò loro la fama di rivoluzionarie, motivo più che sufficiente affinché in una certa occasione Trujillo manifestasse davanti ad un gruppo di persone che i suoi due unici problemi erano le sorelle Mirabal e la Chiesa.

Che cosa accadde il 25 novembre 1960?

Minerva e María Teresa andarono a visitare i loro mariti alla prigione, in compagnia della sorella Patria. Furono intercettate in un posto solitario della strada da agenti del Servizio Militare di Intelligenza. Condotte ad un canneto vicino, furono oggetto delle più crudeli torture, prima di essere vittime di quello che si è considerato il crimine più orripilante della storia dominicana. Coperte di sangue, massacrate a colpi, strangolate, furono messe nuovamente nel veicolo nel quale viaggiavano e gettate in un precipizio, con la finalità di simulare un incidente.
L’assassinio delle sorelle Mirabal produsse un gran sentimento di dolore in tutto il paese, ma servì per fortificare lo spirito patriottico di un paese desideroso di stabilire un governo democratico che garantisse il rispetto alla dignità umana.
—La memoria di queste coraggiose sorelle, martiri che rischiarono le loro vite e le diedero, effettivamente per la causa della donna ci riempie di speranza e ci dà forza per continuare a lottare per una società ugualitaria nella quale donne ed uomini possano vivere in fraternità umana.—

Con la risoluzione 54/134 of 17 del dicembre 1999 l’Assemblea Generale dell’ONU ha fissato per il 25 novembre la Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne.

La violenza contro le donne ha molte facce: le uccisioni e gli stupri sono gli aspetti più drammatici delle violenze dentro e fuori le mura domestiche, nei luoghi di lavoro, per le strade. I dati riguardanti le violenze subite dalle donne sono agghiaccianti, soprattutto se riferiti alla società civile. La violenza fisica, sessuale, psicologica ed economica è la pura violazione dei diritti umani e, talvolta, l’assenza di leggi adeguate e il silenzio sono complici di tali violazioni.

La violenza è sofferenza e umiliazione. È la prima causa di morte tra le donne nel mondo.

—Istituzioni, servizi, strutture educative, forze dell’ordine, parti sociali, partiti politici, mass-media, donne e uomini, tutti si devono sentire coinvolti in un’unica forza di cambiamento—.
Andiamo nelle piazze, riempiamole e facciamo diventare una giornata di mobilitazione locale e nazionale dell’intera società di donne e di uomini, per affermare che senza il riconoscimento della libertà e della dignità delle donne nessuna convivenza è possibile.

NO, NO, NO, NO PONTE, NO!

verso la MANIFESTAZIONE NAZIONALE DEL 19 DICEMBRE A CANNITELLO (RC)

venerdì 27 novembre dalle 18,00 presso l’Associazione Malausséne piazzetta Resuttano (vicino Antica Foccacceria di San Francesco) a Palermo

Assemblea e presentazione del libro “Ponte sullo stretto e Mucche da mungere”, con la presenza dell’autore Gino Sturniolo

ASSEMBLEA NAZIONALE PRECARI\E SCUOLA

domenica 29 novembre ore 9,30-16,30 viale delle scienze facoltà di ingegneria aula F170
Annunci